I regimi contabili per il 2018

I soggetti che vogliono avviare un’attività nel 2018 devono scegliere quale regime contabile adottare in relazione alle loro caratteristiche soggettive ed in base alle caratteristiche e condizioni di convenienza previste dallo specifico regime .

Le opzioni tra cui scegliere nel 2018 sono:
-forfettario;
-semplificato;
-ordinario “non IRI”;
-ordinario “IRI”.

Regime contabile forfetario

Le persone fisiche che intraprendono l’esercizio di impresa, arti e professioni possono avvalersi del regime forfetario comunicando nella dichiarazione di inizio attività di presumere il possesso dei requisiti.
La sua applicazione, pertanto, è subordinata solo al verificarsi delle condizioni e al possesso dei seguenti requisiti :
1) abbiano conseguito ricavi o percepito compensi non superiori a determinati limiti (ragguagliati all’anno nel caso di attività iniziata in corso di anno), diversificati in base al codice ATECO, che contraddistingue l’attività esercitata. Non concorrono alla determinazione del limite di riferimento i ricavi e i compensi derivanti dall’adeguamento agli studi di settore. Inoltre, quando il contribuente esercita più attività, contraddistinte da codici ATECO differenti, ai fini del diritto all’accesso o alla permanenza nel regime forfetario, occorre considerare il limite più elevato tra quelli fissati per ciascuna delle attività esercitate.
2) abbiano sostenuto spese complessivamente non superiori a 5.000 euro lordi per lavoro accessorio, lavoro dipendente e per compensi erogati ai collaboratori, anche assunti per l’esecuzione di specifici progetti. Alla determinazione del limite concorrono gli utili di partecipazione erogati agli associati in partecipazione con apporto costituito da solo lavoro, nonché le somme corrisposte per le prestazioni di lavoro effettuate dall’imprenditore o dai suoi familiari
3) il costo complessivo dei beni strumentali, al lordo degli ammortamenti, non superi, alla data di chiusura dell’esercizio, i 20.000 euro. Non concorrono alla formazione di detto limite i beni immobili, comunque acquisiti, e anche se detenuti in locazione, utilizzati per l’esercizio dell’impresa, arte o professione. Rilevano, invece, nel calcolo del limite: per i beni in locazione finanziaria, il costo sostenuto dal concedente; per i beni in locazione, noleggio e comodato, il valore normale degli stessi determinato alla data del contratto di locazione/noleggio o comodato; per i beni in proprietà, il prezzo di acquisto. I beni utilizzati promiscuamente per l’esercizio dell’impresa, arte o professione e per l’uso personale o familiare, concorrono alla formazione del predetto limite nella misura del 50%, indipendentemente dal loro effettivo utilizzo. Non concorrono, infine, al calcolo del limite dei 20.000 euro i beni strumentali all’esercizio dell’arte o della professione, ovvero all’esercizio dell’impresa il cui costo unitario non sia superiore a 516,45 euro.

Regime contabile semplificato

A partire dal 1° gennaio 2017, questo regime invece di applicare il principio della competenza, applica un principio di cassa “mitigato”.
Questo regime è applicabile, ai sensi del nuovo articolo 18 del D.P.R. 600/1973, a:
-persone fisiche esercenti attività d’impresa ex art. 55, TUIR;
-imprese familiari / aziende coniugali;
-società di persone (snc / sas);
– società di armamento / società di fatto;
-enti non commerciali, con riferimento all’eventuale attività commerciale esercitata;
che non superino i limiti di ricavi di € 400.000 nel caso di erogazione di servizi o di € 700.000 per le altre attività.

A partire dal 2017 i contribuenti hanno 3 possibili alternative per l’adempimento degli obblighi contabili previsti da questo regime:
-tenuta, in aggiunta dei registri IVA, di due ulteriori registri nei quali annotare i ricavipercepiti e le spese sostenute;
-indicazione, nei registri IVA, dell’importo complessivo dei ricavi non incassati o deicosti non pagati;
-tenuta dei soli registri IVA, senza fornire alcuna indicazione in merito all’incasso opagamento dei componenti registrati. In questo caso vi sarà una presunzione diincasso del ricavo o di pagamento del costo nell’anno in cui il documento è registrato.Nel caso in cui si propendesse per questa alternativa sarà necessario effettuareun’opzione in sede di dichiarazione IVA che avrà durata triennale.

Regime contabile ordinario

Il regime ordinario è applicabile da tutte le tipologie di attività, a prescindere dall’importo dei ricavi conseguito.
Il regime ordinario comporta l’applicazione del principio della competenza economica e la tenuta di una serie di libri e registri contabili che si vanno ad aggiungere a quelli previsti per i soggetti semplificati. Infatti, tra l’altro, diventa obbligatoria la tenuta del libro giornale e del libro inventari.

Regime contabile ordinario I.R.I.

I soggetti che applicano il regime ordinario, anche in via opzionale, a partire dal 1° gennaio 2018 potranno esercitare la scelta per il regime dell’Imposta sul Reddito d’Impresa (c.d. IRI). Dal punto di vista pratico questa opzione, prevista dall’articolo 55-bis del TUIR, comporta che gli utili conseguiti nell’esercizio dell’attività d’impresa non prelavati dai soci saranno tassati con la stessa aliquota prevista per l’IRES, ovvero il 24%. Nel caso in cui vi siano dei prelevamenti, questi saranno assoggettati alla tassazione progressiva IRPEF del socio o dell’imprenditore individuale, all’atto del prelievo.

> Specializzati in amministrazione con il corso in “Contabilità Aziendale”.

Novità nella registrazione delle fatture di acquisto

Il comma 1, dell’articolo 25 del D.p.r. 633/1972 dispone che le fatture di acquisto debbano essere, in via preventiva, numerate progressivamente e successivamente registrate in modo che sia assicurata l’ordinata rilevazione del documento di acquisto e l’univocità dell’annotazione.
Pertanto, andranno attribuiti a ciascuna fattura:
– un numero di protocollo;
– un numero progressivo IVA;

Quando si registrano le fatture d’acquisto

Secondo il recente D.L. 50/2017, le fatture e le bollette doganali devono essere annotate in apposito registro anteriormente alla liquidazione periodica nella quale è esercitato il diritto alla detrazione della relativa imposta e comunque entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa all’anno di ricezione della fattura e con riferimento al medesimo anno”.

Queste disposizioni potrebbero portare alla situazione paradossale che, in relazione ad un acquisto effettuato nel dicembre 2017 la cui fattura perviene nel gennaio 2018 i termini siano:
– 30 aprile 2018 ai fini di esercitare il diritto alla detrazione (termine di presentazione della dichiarazione IVA per l’anno 2017);
– 30 aprile 2019 ai fini della registrazione della fattura (termine di presentazione della dichiarazione IVA per l’anno 2018).
Al fine di evitare questa situazione paradossale è opportuno considerare che la detrazione può essere operata solo nel periodo di esigibilità dell’imposta, pertanto le fatture di acquisto pervenute nell’anno successivo, ai fini della detrazione, andranno retro-annotate, come previsto dalla R.M. 202/2001.

Cosa è la fattura riepilogativa

Relativamente alle fatture di modesto importo, ovvero inferiori ad Euro 300 totali, è possibile effettuare una registrazione unitaria complessiva attraverso un documento riepilogativo entro il termine di 15 giorni dal mese di riferimento, ai sensi dell’articolo 6, comma 6, del D.p.r. 695/1996.
Nel documento riepilogativo andranno indicati:
– in numeri delle fatture a cui si riferisce;
– l’ammontare complessivo imponibile delle operazioni;
– l’ammontare complessivo distinto per aliquota IVA applicata (cfr. Risoluzione Agenzia delle Entrate 80/E/2012).

Come si registrano le fatture d’acquisto

I dati rilevanti ai fini della registrazione sono:
– la data di emissione indicata dal fornitore;
– il numero progressivo attribuito dal contribuente al documento ricevuto;
– l’ammontare dell’imponibile distinto per aliquota;
– l’IVA corrispondente all’imponibile;
– la denominazione del fornitore;
Per le bollette doganali, invece del fornitore, va indicata la dogana dove è avvenuto lo sdoganamento delle merci.

Come si registra la scheda carburante

La documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione ha una disciplina che deroga dalle regole viste precedentemente. La disciplina è regolata dal D.M. 7 giugno 1977, poi aggiornato dal D.p.r. 444/1997, che prevede l’utilizzo delle c.d. “schede carburante”.
Pertanto, gli acquisti di carburante per autotrazione devono risultare da un’apposita scheda carburante redatta su di un modello predefinito:
– univoca per ogni veicolo;
– contenente i riferimenti del veicolo, la ditta, nome e cognome o ragione sociale ed il numero di partita IVA dell’utilizzatore.

> Specializzati in amministrazione con il corso in “Contabilità Aziendale”.

La registrazione delle fatture di vendita

 

Ai fini della disciplina IVA è prevista la tenuta di appositi registri nei quali è necessario annotare periodicamente le operazioni rilevanti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto. In particolare, i registri nei quali rilevare le fatture sono il registro delle fatture emesse, c.d. “registro vendite”, ed il registro delle fatture ricevute, c.d. “registro acquisiti”.

Le fatture emesse devono essere registrate nel registro delle vendite seguendo l’ordine della loro emissione (e conseguente numerazione).

Cosa è la fattura riepilogativa

Le fatture emesse di importo inferiore ad Euro 300 nel corso di un mese o di un trimestre, possono essere registrate in un unico documento riepilogativo contenente:
– indicazione dei numeri delle fatture a cui si riferisce;
– distinzione secondo l’aliquota applicata dell’ammontare complessivo dell’imponibile e della relativa imposta;

Qual’è il termine di registrazione delle fatture emesse

Le fatture andranno registrate nei seguenti termini:
– fattura immediate: entro 15 giorni dalla data di emissione;
– fattura differita: entro il termine di emissione, ovvero entro il giorno 15 del mese successivo a quello in cui è avvenuta la consegna o la spedizione dei beni desumibile dal documento di trasporto;
– commissionari: entro il termine di emissione (mese successivo a quello della consegna o spedizione dei beni per le cessioni di beni effettuate dal cessionario nei confronti di un soggetto terzo per il tramite del proprio cedente)
– prestazioni di servizi rese a soggetti passivi UE non soggette ad IVA ai sensi dell’articolo 7-ter del D.pr. 633/1972: entro il termine di emissione, ovvero il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione;
– prestazioni di servizi rese o ricevute da soggetti passivi extra-UE: entro il termine di emissione, ovvero entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione

Come si registrano le fatture di vendita

I dati rilevanti ai fini della registrazione sono:
– il numero progressivo;
– la data di emissione;
– l’ammontare imponibile dell’operazione o delle operazioni distinte secondo l’aliquota applicata;
– l’ammontare dell’imposta, distinta in base all’aliquota;
– la ditta, la denominazione o ragione sociale dell’acquirente, o, in caso di autofattura, del cedente o prestatore;

Quando si registrano le fatture di vendita

Il comma 1, dell’articolo 23 del D.p.r. 633/1972 dispone che il contribuente debba registrare entro 15 giorni dalla data di emissione le fatture relative a tutte le operazioni attive compiute (imponibili, non imponibili ed esenti), nonché le autofatture, in ordine progressivo sulla base della data di emissione.
Un’eccezione rispetto a questa disposizione è data dalle fatture “differite”, ex articolo 21, comma 4, lettera a) del Decreto IVA, che devono essere registrate entro il giorno 15 del mese successivo rispetto a quello in cui è avvenuta la consegna o la spedizione dei beni.

Devono inoltre essere registrate entro il termine di emissione e con riferimento al mese di effettuazione le operazioni relative a:
– prestazioni di servizi rese a soggetti stabiliti in altro Paese UE non soggette ad IVA per mancanza del requisito territoriale a sensi dell’articolo 7-ter del D.p.r. 633/1972.
Tali fatture possono essere emesse entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione;
– le fatture per prestazioni di servizi ad altri soggetti passivi IVA residenti in paesi extra-UE.

Qualora il contribuente utilizzi direttamente macchine elettrocontabili ovvero si avvalga, per l’elaborazione dei dati, di centri elettrocontabili gestiti da terzi, possono essere eseguite entro SESSANTA GIORNI dalla data di effettuazione delle operazioni”

> Specializzati in amministrazione con il corso in “Contabilità Aziendale”.