Come tenere il libro giornale

 In Amministrazione, Finanza, Controllo

Libro giornale : tenuta e conservazione

Il libro giornale deve indicare giorno per giorno le operazioni relative all’esercizio dell’impresa.

In base all’art. 2219 c.c. la tenuta del libro giornale deve avvenire secondo le norme di un’ordinata contabilità, senza:

spazi in bianco;
interlinee;
trasporti in margine.
Non si possono fare abrasioni e se è necessaria qualche cancellazione, questa deve essere eseguita in modo che le parole cancellate siano leggibili. Non sono ammesse, inoltre, le scritturazioni a matita sul libro (Corte di Cassazione, Sentenza 2398/98).

Si ricorda, altresì, che tutte le annotazioni devono essere effettuate entro 60 giorni dall’avvenuta operazione, così come stabilito dell’art. 22, D.P.R. 600/1973.

Il libro giornale deve essere conservato:

ai fini civilistici: per 10 anni;
ai fini fiscali: fino a quando non siano scaduti i termini per effettuare accertamenti.
Dal 25.10.2001 non sono più richieste la vidimazione e la bollatura iniziale del libro giornale (si veda la L. 18.10.2001, n. 383), mentre continuano ad essere richieste la numerazione iniziale e la corresponsione dell’imposta di bollo in relazione al numero di pagine che si intendono usare. Se viene superato il numero di pagine per le quali è stata assolta l’imposta di bollo, il registro continua ad essere perfettamente valido dal punto di vista civilistico e fiscale, ma potrebbe essere contestata la mancata corresponsione dell’imposta di bollo. Il libro giornale deve essere stampato entro 3 mesi dal termine di invio della dichiarazione dei redditi.

Numerazione libro giornale

Per il libro giornale  la numerazione non deve essere preventiva per l’intero libro/blocco, in quanto è sufficiente che la numerazione avvenga prima di utilizzare la pagina.

La numerazione deve essere progressiva, con indicazione, in ogni pagina, dell’anno di riferimento. Il libro giornale relativo all’anno 2017 dovrà riportare la seguente numerazione: 1/2017; 2/2017, ecc. Ogni anno si comincia da 1. Se l’esercizio non coincide con l’anno solare è necessario indicare il primo dei 2 anni di contabilità.

Imposta di bollo e libro giornale

L’imposta di bollo è dovuta nella seguente misura differenziata:

società di capitali (che sono tenute al pagamento della tassa di concessione governativa): € 16,00 per ogni 100 pagine o frazioni di esse;
persone fisiche e società di persone: € 32,00 per ogni 100 pagine o frazioni di esse.
L’imposta di bollo deve essere assolta prima che il registro sia posto in uso, ossia prima di effettuare le annotazioni; può essere pagata mediante:

marche da bollo. Le marche dovranno essere apposte sulla prima pagina del blocco di 100 pagine. In ogni caso, l’imposta dovrà essere assolta prima che il libro sia posto in uso;
versamento presso gli sportelli bancari, postali o dei concessionari del servizio alla riscossione dei tributi mediante Mod. F23 (codice tributo 458T – imposta di bollo su libri e registri).

Specializzati in amministrazione aziendale con i corsi e master Intrapresa in :

>> “Contabilità Aziendale

>> “Controllo di Gestione

>> “Contabilità, Bilancio, Controllo”

Recent Posts
Domande ?

Scrivi la Tua richiesta e la Tua email e Ti risponderemo rapidamente .

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo e accetti la nostra Policy privacy, che puoi sempre consultare su http://www.intrapresagroup.it/privacy-e-cookie-policy/ maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo e accetti la nostra Policy privacy, che puoi sempre consultare su http://www.intrapresagroup.it/privacy-e-cookie-policy/

Chiudi